sono scesa ieri dal giardino ma ancora sto lì :)

 

Ciao a tutte e tutti!

sono scesa ieri dal giardino ma ancora sto lì :)

 

Allora vi racconto com'è andata (robi se vuoi metti sul sito!)

 

Quest'anno il turno al giardino è cominciato diversamente, con un lungo giro tutt'intorno per portare del materiale informativo ai vari rifugi. Siamo partiti con Roberto, Nicolò e Pepita venerdì 20 luglio e la prima sera l'abbiamo passata al giardino. Durante la notte tempesta di tuoni e lampi! Il giorno seguente siamo andati al Granero passando per il Jervis e salendo e scendendo abbiamo incontrato una fioritura incredibile, molte vallette erano ancora innevate e quindi abbiamo potuto ammirare molte specie che fioriscono subito dopo lo scioglimento, come la bellissima Soldanella alpina! Domenica siamo scesi al Barbara passando per il passo del Manzol. Bellissimo.

 

Finalmente nel primo pomeriggio io e Pepita siamo arrivate al giardino - con tappa rigenerante al torrente del Pian delle marmotte :) - per stare un'intera settimana. Il tempo è stato sempre bello la mattina e mutevole il pomeriggio, con nebbia e pioggia a sprazzi. Nel pozzetto i tubi si sono staccati varie volte, ho dovuto fare un pò di interventi di riparazione... poi per fortuna sono passate delle amiche forzute e da allora niente più problemi! I nostri vicini del Barant, Angelo e Simona, sono stati di un'accoglienza unica! Sono passati i responsabili dell'Unità montana, ho preparato delle foto da inviare loro dell'interno ammuffito della casetta, recinzione e pozzetto... vi mando tutto in allegato. Pochi passaggi quest'anno, forse perché il tempo a valle era spesso brutto. Ma diversi olandesi, francesi e tedeschi più coraggiosi degli italiani nei confronti del maltempo. Una visita guidata speciale con tre bambini, una sorta di caccia al tesoro dei fiori descritti nel nuovo opuscolo! Bello :) Un prato fuori percorso pieno di Nigritelle in fiore è stato da loro soprannominato "prato di cioccolato" :)

 

Il topino c'è e sta benone. Una sera l'ho beccato che voleva entrare dalla finestra :) I camosci apparivano al crepuscolo in cresta e al mattino presto per due volte li ho trovati accanto casa subito oltre la recinzione. Ho avvistato il grande grifone! Poi ovviamente le marmotte, culbianchi, codirossi e corvi imperiali e immancabili le rane rosse e i centinaia di girini nel laghetto. Ho raccolto la legna nel bosco, di media e piccola dimensione e usato la sega per tagliare i ciocchi più grandi. Il giardino era un'esplosione di fiori, complice anche la quantità di acqua dovuta all'inverno molto ricco. E poi... l'eclissi totale di luna venerdì... beh.. che ve lo dico a fare.. Insomma il giardino è sempre quel luogo di pace e meraviglia che conosciamo.

 

Domenica sono scesa passando dal sentiero dell'Autagna fino al ponte di Villanova. E' un lungo sentiero bellissimo che arriva a valle passando attraverso tutti gli gli orizzonti altitudinali della vegetazione... se vi capita fatelo ne vale la pena!

 

Arianna

data: 
Monday, July 30, 2018